Per il giurista, i principi affermati si basano su argomentazioni fragili, in contrasto con la Costituzione: secondo l’articolo 36 il lavoratore ha diritto a una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro