“Green Table” a Perugia, per il futuro del pianeta

Dal 20 al 23 ottobre la prima edizione del Forum internazionale su architettura e design per il futuro

 

Published 19 ottobre 2021 – © riproduzione riservata

Dal 20 al 23 ottobre Perugia ospita la prima edizione di “Green Table”, Forum internazionale su architettura e design per il futuro: un progetto culturale di respiro annuale promosso da Fondazione Guglielmo Giordano e Media Eventi, con la partnership di IN/Arch e ADI, e con il supporto del CNAPPC. La manifestazione – che ha ricevuto il patrocinio dei ministeri della Cultura e della Transizione ecologica – chiama a raccolta personalità di primo piano del mondo della cultura del progetto, della scienza, della filosofia e dell’economia per dialogare attorno al ruolo del design nella ricerca di una relazione armonica tra genere umano e mondo naturale.

“Green Table” è una community, una piattaforma collaborativa (fisica e digitale), un forum permanente, attraverso cui esperti, istituzioni, imprese e cittadini potranno confrontarsi, promuovere idee, progetti e soluzioni concrete per rispondere alle grandi sfide della difesa del pianeta e del benessere delle comunità. L’iniziativa nasce a partire dai comuni valori espressi dall’Istituto Nazionale di Architettura e dall’Associazione per il Disegno industriale, che hanno dato avvio ad una partnership per favorire e stimolare un cambiamento di paradigma culturale e l’adozione di comportamenti individuali e collettivi tesi ad una crescita economica e sociale più equa e sostenibile.

Il primo appuntamento a Perugia, organizzato in modalità phygital – un bilanciato mix tra momenti d’interazione fisica e digitale – si caratterizza per la dimensione del confronto e per il respiro internazionale che pone l’Umbria e il suo capoluogo al centro del dibattito globale sui temi della sostenibilità, anche alla luce del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Il programma, ospitato nel rinnovato auditorium di San Francesco al Prato, prevede oltre venti incontri che vertono su questioni di stringente attualità, suddivise in quattro aree tematiche: design, architettura, urbanistica e pianificazione. Tra gli ospiti progettisti (Michele De Lucchi, Patricia Urquiola, Stefano Boeri, Mario Cucinella, Benedetta Tagliabue, Cino Zucchi, Aldo Cibic, Patricia Viel, Walter De Silva, Matteo Thun, Daria De Seta, Dante Oscar Benini, Alessandro Melis, Guendalina Salimei, Alessandra Battisti, Ico Migliore, Mara Servetto, Monica Alejandra Mellace, Filippo Lodi, Massimo Pica Ciamarra e Luca Zevi), scienziati (Stefano Mancuso e Cinzia Chiriacò) e filosofi (Maurizio Ferraris e Aldo Colonetti), insieme ad altri importanti protagonisti del mondo della cultura, informazione ed economia, nel rispetto della policy sull’equilibrio di genere per gli eventi promossa dall’IN/Arch.

I singoli panel verranno trasmessi in live-streaming da Perugia e in differita (HUB360°) da diverse metropoli internazionali (Milano, Amsterdam, Barcellona, Monaco di Baviera e Shanghai), rappresentative di distretti produttivi e culturali tra i più attivi attorno ai temi della sostenibilità. La giornata di apertura del Forum (mercoledì 20 alle 17.30) si conclude con il suggestivo spettacolo “Botanica”, realizzato dal collettivo Deproducers con Stefano Mancuso. Un calendario di appuntamenti artistico-culturali ispirati ai valori e ai temi promossi da Green Table arricchisce tutte le serate della manifestazione a partire dalle ore 21.

“Green Table” si condensa in quattro giornate ma abbraccia un anno intero, e da Perugia prosegue il suo viaggio, allargando la propria community e arricchendosi di nuovi contributi per ritrovarsi ancora in Umbria nel 2022.

 

Il format, la piattaforma e l’identità visiva

Il format “Green Table” chiama i relatori a confrontarsi attorno a un tavolo tondo capace di viaggiare (firmato da Michele De Lucchi), al centro del quale è posizionata una speciale videocamera che effettua riprese stereoscopiche a 360°, offrendo un punto di vista inaspettato.

La piattaforma cross-mediale sviluppata da Wyth, accessibile via web, consente agli utenti di fruire dei contenuti degli incontri in qualunque momento e in ogni parte del mondo, d’intraprendere azioni di networking, attivare riunioni, avvicinarsi ai diversi partner della manifestazione, istituzioni e operatori economici.

L’identità visiva del progetto – curata da Bcpt Associati – restituisce il senso dell’iniziativa e gli elementi che la caratterizzano.

 

La partecipazione all’evento (in presenza o in digitale) consente agli architetti l’acquisizione di 7 crediti formativi professionali per ciascuna delle giornate (21-22-23 ottobre)

 

Related Posts

Gli esiti del forum internazionale che a Perugia ha discusso di transizione ecologica, riequilibrio...

Seconda edizione del premio bandito da IN/Arch Piemonte per valorizzare l'architettura degli...

In vista di COP-26 a Glasgow, un appello lanciato da "Le Carré Bleu" per conoscere e pianificare un...

Leave a Reply