Si apre il 21 novembre alla Triennale di Milano la 14° edizione della manifestazione nazionale di riferimento sulla rigenerazione urbana, organizzata dall’Istituto Nazionale di Urbanistica e da Urbit.

Ospitata dagli spazi del Dipartimento Architettura di Roma Tre dell’Università Roma Tre che ha rinnovato l’ex Mattatoio, porterà dal 25 al 27 maggio la discussione su buone pratiche e progetti su progettazione e gestione degli spazi pubblici.

La presidentessa dell’Istituto Nazionale di Urbanistica introduce il secondo Festival Città Metropolitane, a Napoli dal 6 all’8 luglio 2017. Al centro della riflessione, le realtà portuali.

In attesa della sua approvazione, le vicissitudini di un progetto tanto atteso quanto problematico. Domenico Cecchini, già presidente INU per la sezione Lazio e assessore comunale all’Urbanistica, evidenzia due errori forse destinati a ripetersi

Nell’attuale scenario che vede l’assenza di coordinamento delle azioni di contrasto al rischio sismico, l’urbanistica gioca un ruolo essenziale e può porre le basi per progetti strategici di prevenzione come “Casa Italia”.

Un’analisi del Programma governativo come occasione di rilancio delle politiche urbane: un modello d’iniziativa pubblica, seppure ancora da comprendere nella sua capacità d’incidere positivamente sulle nostre città.

La tredicesima edizione dell’appuntamento promosso da Inu e Urbit si chiude con 1.800 visitatori, 350 relatori e 65 progetti di buone pratiche di gestione del territorio.

È online la gallery con i primi nove progetti, mentre si sta definendo il programma finale e sono aperte fino al 31 ottobre le votazioni per il concorso Urban-promogiovani. C’è tempo fino al 19 dicembre per partecipare al video contest sul social housing.

La manifestazione sull’abitare sociale si svolgerà il 6 e il 7 ottobre a Torino presso il Polo del ‘900, negli spazi di Palazzo San Celso e di Palazzo San Daniele.

Nelle parole della presidentessa Silvia Viviani, il contributo di ampio respiro dell’Istituto Nazionale di Urbanistica al Progetto “Casa Italia”, oltre la contingenza legata al recente sisma.